70ESIMA FIERA EPIFANIA BIONDI E PICCININI: “UN SUCCESSO. DAL PROSSIMO ANNO CONTIAMO DI RIDISEGNARE E AMPLIARE L’AREA DELLA FIERA.

0
407

       È iniziato fin dalle prime ore della mattinata l’afflusso alla 70esima edizione dellaFiera dell’Epifania. Sono 330 le bancarelle che stanno animando la tradizionale iniziativa e, complici la bella giornata e le temperature miti, si registra un notevole numero di presenze.

           “E’ bellissimo vedere il centro storico così affollato in questo tradizionale giorno di festa. –ha dichiarato il sindacoPierluigi Biondi – Un dato significativo è l’arrivo di moltissimi visitatori da tutta la regione. Un successo che ribadisce l’importanza e il significato di questa manifestazione.Mi congratulo con l’organizzazione e, in particolare, con gli assessori al Commercio Alessandro Piccinini, alla Mobilità Carla Mannetti, alla Protezione civile Emanuele Imprudente, con il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici Guido Quintino Liris, con il direttore della Fiva Confcommercio Alberto Capretti, che hanno lavorato per mesi con impegno ed entusiasmo per la riuscita di questa manifestazione tanto cara agli aquilani. Ringrazio il Corpo di Polizia municipale, le forze dell’ordine, il personale del Comune e le società Asm e Ama per il loro contributo. Un sentito ringraziamento a tutti gli ambulanti che hanno animato la manifestazione, in particolare quelli aquilani. Ribadisco la volontà, già espressa dall’assessore Piccinini, di prevedere, il prossimo anno, un’area riservata a loro. Ci auguriamo e contiamo, nella prossima edizione, di poter ampliare l’area interessata dalla Fiera, in modo da poterci gradualmente riavvicinare alle dimensioni e al numero di postazioni che si avevano prima del sisma”.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore al CommercioAlessandro Piccinini. “L’affluenza è altissima e stimabile, al momento, in oltre 25mila presenze. – ha dichiarato Piccinini – La fiera si sta svolgendo in un clima di grande festa e serenità. Un’ulteriore testimonianza della vitalità di questa iniziativa, profondamente legata alla storia e all’identità della nostra città e pertanto elemento importante della sua rinascita. Un’ulteriore dimostrazionedi quanto gli aquilani vogliano vivere il centro storico e il miglior premio per il lavoro e l’impegno profuso nell’organizzazione da parte di tutti i soggetti coinvolti”.

           Una manifestazione che si sta svolgendo senza particolari problemi anche sotto il profilo della sicurezza, come sottolinea il dirigente di Polizia MunicipaleTiziano Amorosi.

           “Gli agenti di Polizia Municipale, tutti in servizio dalla notte scorsa, stanno effettuando attività di controllo e prevenzione in maniera attenta ma discreta – ha dichiarato Amorosi – e, al momento, non si registrano situazioni di grave irregolarità. Abbiamo scelto di privilegiare le attività di prevenzione rispetto a quelle di repressione, soprattutto riguardo a fenomeni quali l’abusivismo e i piccoli furti. La situazione risulta pertanto sotto controllo, anche in riferimento al traffico. Non ci sono state infatti particolari infrazioni, se si eccettuano 10 veicoli che abbiamo dovuto rimuovere, nel corso della notte, perché sostavano negli stalli riservati agli ambulanti. La Fiera si sta svolgendo in condizioni di sicurezza, grazie alla collaborazione di tutte le forze di polizia, in virtù del proficuo coordinamento da parte di Prefettura e Questura”.

           Domani, sabato 6 gennaio, dalle ore 10 e fino alle 13, ai Quattro Cantoni, si svolgerà la“Befana del Vigile”. La manifestazione, organizzata dal Comando di Polizia Municipale e dall’associazione “Ruote d’epoca”, fa rivivere una tradizione tutta aquilana che ebbe inizio il 6 gennaio del 1950 e che è stata ripresa a partire dal 2012. Una rappresentanza dei vigili urbani, in divisa di ordinanza, raccoglierà donazioni, quali giocattoli, capi di vestiario e generi alimentari, da destinare alle associazioni di volontariato presenti nel territorio e operanti nel campo della solidarietà e dell’assistenza a persone e famiglie in condizioni di indigenza.

Rispondi