Bolla del Perdono: Un successo l’esposizione nei saloni della Banca d’Italia filiale de l’Aquila

0
163

 

E’ stato sicuramente un successo l’esposizione della Bolla del Perdono nel salone della filiale aquilana della Banca d’Italia.

 Un’idea, quella di mettere in mostra il prezioso documento recentemente restaurato, che ha dato la possibilità a tantissimi visitatori, aquilani e non, di ammirare da vicino la preziosissima pergamena.

Il documento emanato da Papa Celestino V, ha marcato in maniera indelebile in mondo della cristianità dell’epoca trasmettendo il suo rivoluzionario messaggio politico e religioso fino ai nostri giorni.

La cosiddetta “Bolla del Perdono” protetta storicamente dalle popolazioni aquilane, già ai tempi del tentativo di distruzione voluta Bonifacio VIII, successore di Papa Celestino, dopo il sapiente restauro effettuato nella sede dell’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario è stata ricevuta da Massimiliano Marzano direttore della filiale aquilana della banca, portata direttamente da Roma dal Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi.

 “L’attenzione e la vicinanza della Banca d’Italia a l’Aquila ed ai territori colpiti dal sisma del 2009 e quelli più recenti è stata costante e convinta” è quanto dichiara ai nostri microfoni il direttore Marzano.

“ Più volte infatti ( continua il direttore ) i nostri vertici si sono recati in questo splendido territorio ricco di storia, di importanti opere d’arte e di beni culturali e architettonici. In più circostanze la Banca ha fornito il proprio contributo per la valorizzazione e la ripresa di questa regione ed in particolare del territorio aquilano così duramente colpito dal sisma del 2009.

Infatti in questi ultimi sette anni la nostra filiale aquilana è stata protagonista di numerose iniziative di valorizzazione del patrimonio artistico abruzzese, tutte svolte in stretta sinergia con il Museo Nazionale dell’Abruzzo (MUNDA), grazie anche alla lungimiranza della Soprintendente Lucia Arpace e del direttore del MUNDA dr. Mauro Congeduti.”

Sono molte infatti le opere d’arte prestate dal MUNDA ed esposte nei saloni della Banca, così come tante sono le iniziative che vedono l’Istituzione Banca d’Italia in prima fila per la promozione e la salvaguardia del patrimonio artistico italiano.

Naturalmente la sensibilità alla tematica dimostrata dal direttore Massimiliano Marzano e l’efficienza dello staff di direzione che lo accompagna, che vede impegnati tra gli altri il vice-direttore Luigi Micco a sua volta coadiuvato da: Francesca Strinella, Fabio Cialfi, Serena Sanbenedetto, Dina Garofalo, Isa Iuliano, Gennaro Antinucci, Maria Iolanda Pietrangeli, preziosissimi collaboratori che hanno lavorato per la buona riuscita dell’evento e che hanno di fatto consentito all’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale e dal Comitato Perdonanza il meritato successo.

Rispondi