Elezioni comunali: Rivoluzione Cristiana e la metafora del carnevale.

0
161

Riceviamo e pubblichiamo una nota della coordinatrice regionale di Rivoluzione Cristiana Annamaria Bonanni sulle elezioni al comune dell’Aquila circa la formulazione di un candidato unico del centro destra.

 

Martedi grasso, finisce il Carnevale.
Riprendo da dove avevo lasciato.
Il vento all’Aquila sta cambiando e se ne stanno accorgendo molti.  Chi invece ancora non lo ha capito è chi pensa di rappresentare la città, come marionetta o come burattinaio.
Io parlo con la gente, che chiede novità, chiede concretezza, chiede onestà, chiede trasparenza.
Marionette e burattinai parlano tra loro, e chiedono posti qui e posti là. Tengono poltrone in caldo per altri. Ma non hanno fatto i conti con gli elettori, che non li sopportano più e che non li voteranno più. Essere stati tanti anni in politica senza aver portato risultati non è poi una grande nota di merito. Chi è stato responsabile di due cocenti sconfitte elettorali dovute a scelte sbagliate dei candidati dovrebbe avere il buon senso di fare un passo indietro, e non un passo avanti. Per rispetto se non di sé stessi della città. Per rispetto di coloro che potrebbero dedicarsi alla politica, quella vera, apportando il loro valore morale e professionale.
Giocano: con la vita ed il futuro degli aquilani, come se la città e gli aquilani fossero gingilli nelle loro mani.
Fanno i capricci,  bambini incoscienti e viziati da una politica fasulla che li ha fatti sentire più grandi di quello che sono.
Io vado avanti con un progetto di rinnovamento reale cercando soluzioni ai problemi, perché i problemi li conosciamo bene tutti. Chi vuole partecipare deve farlo confrontandosi apertamente, in prima persona, lavorando per la città.

Annamaria Bonanni

Rispondi