È morto ieri sera all’Aquila il Maestro Marcello Mariani.

Marcello Mariani nasce nel settembre del 1938 a L’Aquila,compie gli studi artistici presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove realizza i suoi primi lavori di scenografia presso il teatro San Carlo.

Nei primi anni 60 viaggia attraverso l’Europa entrando in contatto con gli artisti berlinesi e quindi con Sartre e gli esistenzialisti della scena parigina.
Rientrato in Italia, si avvicina all’ambiente romano conoscendo Manzoni, Rotella, Lisi e Rauschenberg. Inizia poi ad insegnare all’Aquila presso l’Istituto Statale d’Arte tenendo numerose mostre con artisti aquilani, come Di Fabio, De Carolis, Marinucci, Mantovanelli e Gagliardi.

Nel 1979 inizia il ciclo di viaggi in Oriente e in Australia che culmina in due mostre personali a Melbourne.
Al rientro in Italia, la sua pittura informale si arricchisce di tracce materiche più calde facendosi specchio e simbolo di una condizione poetica e umana universale. Sono questi gli anni della sua amicizia con Tullio Catalano e dei suoi frequenti incontri con Marinucci, Crispolti e Gasbarrini, che presentano alcune sue mostre personali e collettive. Dal ’90 al 2000 Mariani espone in Italia e all’estero con numerosi artisti, quali Pistoletto, Merz, Mauri, Catalano, Pisani, Paolini, Nagasawa, Baruchello, Kosuth, Di Blasio, Spalletti, Castellani, Kounellis, Messina, Accardi, Ceroli, Del Greco, Dorazio, Arnaldo Pomodoro, Giò Pomodoro, Pace e Baj.
Nel 2006 inaugura presso la chiesa di San Domenico a L’Aquila una grande mostra personale “I Colori del Sacro” con recensioni ed interviste (fra gli altri) di Sergio Zavoli, Oliviero La Stella e Francesco Rivera.
Nel 2007 espone a Castelbasso (Te) nell’ambito della rassegna antologica “Nel segno della materia” dedicata ai maestri informali, quali Burri, Fontana, Vedova, Pollock, Kline, Afro, Tapies e Hartung.

Nel 2011 partecipa alla collettiva Arte e Regioni nel Vittoriano, in occasione del 150º anniversario dell’Unità d’Italia, e alla Biennale di Venezia, alla Rassegna internazionale d’arte G. B. Salvia Sassoferratoe alla collettiva Archè, presso la Basilica di Collemaggio all’Aquila, gravemente danneggiata dal terremoto del 2009

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome